giovedì 30 marzo 2017
 
 
 
L'ATLETICA
 I primi grandi atleti porticesi furono, soprattutto podisti. De Blasio e Compagni, fondatori della Società Sportiva Portici, presero parte a molte gare, senza, però, riuscire mai a richiamare l'attenzione della stampa locale. Bisogna aspettare sette anni, pieni di umiliazioni e ricchi di sacrifici economici, per arrivare ai primi grandi successi. Il 27 marzo 1913, nel bosco superiore di Portici, sotto l'egida della S. S. Portici, si svolsero le gare dei 100mt. e della staffetta valevoli per il campionato studentesco. Alle ore 11, lo starter, il Sig. Collana (divenuto poi famoso giornalista), diede il via alla corsa. Al traguardo arrivarono rispettivamente, primo, secondo, e terzo: Carpinelli, De Blasio e Bozzoni. Nella staffetta il trionfo fu raddoppiato con la vittoria in 3'22" della squadra composta da De Blasio, Scarano, Carpinalli e D'Albora. Il 18 Luglio dello stesso anno, a Carmagnola, in provincia di Torino, Giulio Visconti, altro atleta porticese, vinceva la gara di velocità sui 100 metri, dimostrando così la sua superiorità netta sugli avversari. A 10 anni dalla sua nascita, la S. S. Portici organizzò con il patrocinio del quotidiano "Il Mattino" i Campionati di Atletica riservati agli studenti secondari, a testimoniare la brillante attività di questa società divenuta in pochi anni il fulcro dello Sport in Campania e nel meridione. Dopo quattro anni di forzata inattività, dovuta allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, le attività sportive porticesi ripresero alla grande il 17 Gennaio 1920 con una grande gara di atletica organizzata dalla SS. Portici. Qualcuno dei grandi atleti porticesi non riuscì a tornare dalla drammatica realtà delle trincee. Tra questi c'era una grande promessa dello sport porticese: Guido Rossi. Nel 1921, Canonico Valentino, già campione meridionale di podismo, vinse la stessa traversata notturna da Piazza Carlo III all'Arena Italia, imponendosi sugli avversari col suo " demarcare superbo di energia e decisione e la sua falcata elastica ed elegante", come rilevò una colorita cronaca del "Mattino". Un altro grande atleta porticese fu il montenegrino Giorgio Muscovich, forte ala destra del Portici calcio. Vinse il campionato campano dei 200mt., di chi detenne il primato con 24"4/5 fino al 1924. Centista, mezzo fondista, saltatore e calciatore, fu grandissimo campione. In una riunione sul campo della Virtus, il 4 settembre 1923, saltò 5,60 nel lungo; scagliò il disco a 26 metri ed il giavellotto a 36,10 metri, tutte misure allora rispettabili. Sempre nel 1923, un altro grande campione infiammò l'animo degli sportivi porticesi: il fondista Attilio Sannino che in poco tempo divenne primatista campano 1923-1924 dei 10.000 metri. Il 31 Luglio di quell'anno vinse la popolare podistica di Santa Lucia, dove terzo arrivò un altro porticese: Carlo Festa, ed ad Agosto si impose nel VII° Giro del Vasto e nella  notturna  Fuorigrotta - Bagnoli. Grandi vittorie che furono il preludio della prima sconfitta della sua carriera, a Settembre, contro Giuseppe Abate dei Granili.


 
 
< Prec.   Pros. >

 

 
HOME
SERVIZI
PREZZI CAMERE
OFFERTE
DOVE SIAMO
COME RAGGIUNGERCI
CONTATTACI
TUTTO SU PORTICI
CERCA ITINERARIO
LINK UTILI
NEWS
FOTOGRAFIE DI PORTICI
DICONO DI NOI
 
Bed and Breakfast a Portici VILLA QUARANTA - Corso Garibaldi 273, 80055 Portici (Na) | TEL 081.6070568 | MOBILE 349.6674574
EMAIL :info@villaquaranta.it | P.IVA 05378891211 | web marketing | SITEMAP